Seleziona una pagina

Mobbing … Mobbing quante volte sentendone parlare crediamo di trovarci proprio nella stessa situazione …
Mi spiace deluderti!!! Molti infatti sono gli articoli che trattano dell’argomento ma pochi si sbilanciano a dire che i risarcimenti ottenuti sono davvero pochi.

Ma il Mobbing cos’è??

E’ l’insieme dei comportamenti violenti e/o vessatori posti in essere nei miei confronti da superiori e/o da colleghi per un tempo prolungato a danno della mia dignità personale della mia professionalità.
Accanto questa generale definizione sono state elaborate altre due figure lo STRANING e il BOSSING.
Nello straning ci si trova, come nel mobbing, in presenza di condotte ostili ma qui il tenore è più attenuato e possono manifestarsi anche per una volta soltanto.
Nel bossing le condotte invece vengono poste in essere solo da superiori (dirigenti magari) allo scopo di indurre subalterni a dimettersi.

Però: il vero problema non è capire quale delle tre situazioni sia la nostra quanto piuttosto, a monte, nel verificare se le azioni dei superiori o del datore di lavoro siano comportamenti ostili o sia la semplice manifestazione di un rapporto di conflitto che non ha rilievo risarcitorio e che da sempre esiste tra datore di lavoro e dipendente.

Bando alle definizioni troppo complicate, facciamo un “TEST”!
Proverò, di seguito, a formulare qualche domanda che ti aiuterà a focalizzare meglio la tua situazione lavorativa.

1. Quali sono i comportamenti che pensi che il datore di lavoro o i tuoi colleghi pongano in essere in tuo danno e che ti mettono in cattiva luce ? (prova ad identificare delle specifiche situazioni in cui ti sei trovato o ti trovi)
2. Ti hanno tolto dei benefici che prima avevi ad esempio il telefono, l’auto, premi particolari ecc…?
3. Ti hanno assegnato mansioni che non hai mai svolto in precedenza e che magari solitamente sono eseguite da chi ha un livello inferiore il tuo?
4. Hai ricevuto contestazioni disciplinari per comportamenti a te sconosciuti? Era la prima volta, magari, che ricevevi una contestazione ?
5. Sei stato oggetto di rimproveri verbali o hai subito pubbliche umiliazioni senza motivo?
6. Il cambiamento all’interno dell’azienda ti ha procurato stress psico-fisico?
7. Se la risposta il punto 6 e sì, stai prendendo farmaci per contrastare i sintomi e o ti sei rivolto a specialisti?
8. Sei rimasto a casa in malattia per questo stress?
9. Sei stato invitato a dare le dimissioni per evitare conseguenze peggiori?
10. Ti hanno detto chiaramente che sarai licenziato anche senza un particolare motivo?

Già con queste semplici domande avrai ormai capito che parlare di “mobbing” non è così semplice … se ti sei rivolto già ad un legale te lo avrà confermato …
Sono davvero poche le sentenze che affermano la presenza del mobbing nel rapporto di lavoro e quindi che danno la possibilità di ottenere un risarcimento del danno.
Ma non siamo pessimisti …
Se di mobbing (o straining o bossing) non si tratta non è detto che tu non abbia diritto al risarcimento dei danni connessi, ad es. da demansionamento (avremo modo di parlare anche di questo…)

E allora ????

Allora proviamo a riassumere.
Se sei un DIPENDENTE: se ti sei identificato con un bel SI’ in tutte le domande e addirittura hai anche dei documenti che possono provare le tue ragioni OTTIMO!!!! direi che sei a buon punto e ti puoi rivolgere ad un buon legale per entrare nel dettaglio
Se sei un DATORE DI LAVORO: non pensare che questo post non ti riguardi, non credo che le domande non ti abbiamo suscitato qualche dubbio … cosa aspetti … parlarne ora potrebbe aiutarti ad evitare che le situazioni attuali sfocino in qualcosa di più grave.

So che il tema del MOBBING è quanto mai attuale e si è detto di tutto e di più, ma TU cosa ne pensi?

Open chat
1
Buongiorno, come posso esserti utile?
Powered by